La Finanza A Portata Di Click

Investire In Immobili Nel 2021: Come Far Fruttare Il Mattone

investire in immobili

Stai cercando una guida per capire come investire in immobili e se conviene? Sei nel posto giusto!

In questa guida scoprirai cos’è e come funziona il crowdfunding immobiliare, quali sono i rischi e se si tratta di un’opportunità di investimento redditizia.

Di seguito trovi una tabella nella quale sono state inserite le migliori piattaforme per investire in immobili, le loro caratteristiche e il link al sito ufficiale. 

migliori piattaforme per investire in immobili

re-lender

relender
5/5

trusters

trusters crowdfunding immobiliare
3.7/5

recrowd

recrowd
3.5/5

concrete

concrete investing
3.5/5

Migliori piattaforme per investire in immobili

Di seguito analizziamo e scopriamo quali sono le attuali migliori piattaforme per il investire in immobili presenti sul mercato.

  1. Re-Lender (vai al sito ufficiale)
  2. Trusters (vai al sito ufficiale)
  3. Recrowd (vai al sito ufficiale)
  4. Concrete (vai al sito ufficiale)

Oggi le possibilità di investimento sono molteplici, perché ogni investimento porta con sé mille ramificazioni. Non è più sufficiente parlare di “azioni” per esempio, perché dovremo specificare se sono titoli, ETF, CFD, futures, obbligazioni e così via.

L’aspetto positivo è che l’investitore può decidere di diversificare il proprio portafoglio con prodotti finanziari anche eterogenei fra loro e fra questi non può mai mancare il classico “mattone”. Gli investimenti immobiliari hanno a loro volta visto un’evoluzione che consente di approcciarsi a questo settore in molti modi, con possibilità aperte davvero a tutti: grandi investitori e piccoli risparmiatori.

Non necessariamente infatti bisogna disporre di grossi capitali, come saremmo portati a pensare, perché esistono soluzioni applicabili a ognuno, ovviamente con guadagni proporzionati ma possibili.

Investire in immobili

La pandemia da Covid 19 ha messo il mercato immobiliare al palo, ragione per cui ha dovuto reinventarsi in diversi modi durante la fase acuta. Un esempio di questo cambiamento è certamente la crescita degli investimenti nei magazzini di stoccaggio funzionali alla logistica.

Le vendite online sono cresciute vertiginosamente durante il lockdown e questa impennata degli acquisti nell’e-commerce ha visto l’aumento della necessità di avere spazi a disposizione in cui depositare le merci: discorso che ha coinvolto tutti, dalle multinazionali fino alle aziende più piccole. Oggi, con la ripresa delle attività e un ritorno a una pseudo normalità stiamo assistendo a una ripresa generalizzata del mercato tradizionale con una risalita dei prezzi di tutto il comparto.

Ecco che le possibilità tornano ad essere le stesse del periodo pre-Covid e viviamo un momento favorevole agli investimenti perché le tendenze sono tutte al rialzo e più si è tempestivi, più sono possibili futuri guadagni.

Come investire in immobili

Se hai deciso di prendere in considerazione questo tipo di investimento, hai a disposizione diverse possibilità, da scegliere in base al tuo budget e alle tue inclinazioni di investitore.

investire in immobili con pochi soldi

Queste modalità sono:

  • Acquistare il classico di immobile da dare in affitto
  • Acquistare case vacanze da affittare per brevi periodi
  • Acquistare un immobile da ristrutturare e rivendere
  • Crowdfunding e crowdlending immobiliare
  • Partecipare a gruppi di investimento o comprarne le azioni

Nel primo caso, ci sono diversi criteri da valutare: la zona, la tipologia di immobile. gli affittuari.

Possiamo acquistare immobili commerciali o residenziali: i primi sono più cari solitamente e prevedono una gestione più difficoltosa, mentre i secondi comportano un coinvolgimento minore da parte del proprietario, tuttavia non è vero che una volta acquistato, l’unica cosa da vigilare sia il pagamento regolare dell’affitto.

Il proprietario ha infatti degli obblighi relativi alla manutenzione e le spese a volte possono essere molte. Alcuni decidono quindi di affidare questo aspetto a società esterne, che però a loro volta hanno un costo. È tutto molto più semplice se hai capacità nel fai da te, ma comunque alcuni lavori richiedono comunque gli interventi dei professionisti in ogni caso (pensiamo alla sostituzione della caldaia, per fare un esempio). Naturalmente se l’immobile è situato all’estero sarai costretto a optare per una ditta che si occupi di tutto.

La scelta degli affittuari è un altro capitolo spinoso, perché naturalmente scegliere degli inquilini poco problematici sarà il tuo compito principale. Dovrai infatti valutarne la capacità di spesa e le referenze, anche se purtroppo ci sono dei limiti quando ci si basa solo su questi aspetti e non è detto che il rapporto sia sempre idilliaco.

Prima di acquistare è importante anche informarsi sull’andamento dei prezzi degli ultimi anni, soprattutto in ambito locale. Ci sono molti siti che si occupano di vendite immobiliari, anche molto ben costruiti e ricchi di informazioni di ogni tipo. Ti consigliamo quindi di partire da questi, per avere un’idea un po’ più completa.

Con un sito web accreditato e ben fatto, non sarà necessario recarti in loco. Tuttavia è ovviamente meglio avere la possibilità di spostarsi e valutare l’immobile in concreto e non solo virtualmente.

Il discorso non cambia molto per le case vacanze, dove naturalmente l’aspetto prioritario da valutare sarà la sua posizione: con una zona dalla forte attrattiva turistica non avrai certo problemi a trovare sempre nuovi inquilini interessati. I costi non necessariamente sono superiori, perché ci sono molti rustici, masserie che vanno per la maggiore in questo periodo. Una buona ristrutturazione poi potrà certamente far sì che il tuo immobile acquisisca valore.

La ristrutturazione con successiva vendita è il metodo più classico per accumulare profitti e grazie agli ultimi provvedimenti in tema di bonus edilizi, questo è un momento particolarmente favorevole a questo tipo di business.

Tutte queste modalità presuppongono che tu disponga di un capitale iniziale piuttosto ingente, mentre per le altre modalità che abbiamo menzionato, parliamo di sistemi diversi che non richiedono un eccessivo investimento iniziale.

Investire in immobili con pochi soldi

L’ultima novità in campo immobiliare è costituita dal crowdfunding. Si tratta di un investimento a rendita passiva, con la quale decidi di partecipare a un investimento in due modalità: o ti aggiudichi un pezzo dell’immobile, e ricaverai il profitto dalla vendita dello stesso (crowdfunding), oppure partecipi al finanziamento per l’acquisto di una casa e ti verranno poi versati gli interessi (crowdlending).

Per queste operazioni, l’investimento iniziale potrà essere davvero minimo: spesso sono sufficienti appena 50 euro per parteciparvi. Ma come funziona nel dettaglio?

Per poter accedere a questa tipologia di investimento dovrai iscriverti a una piattaforma dedicata (ce ne sono molte online, italiane ed estere), la quale ti proporrà tutta una serie di immobili nei quali poter investire. Questi vengono valutati attentamente dai gestori del sito che prima di proporli agli utenti si assicurano che sia tutto in regola.

Nel caso del crowdlending, si tratta di immobili che hanno già avuto il benestare dagli istituti di credito e ai quali è necessario soltanto un capitale da aggiungere al finanziamento già approvato e concludere l’acquisto. Non dovrai quindi preoccuparti della validità delle operazioni, perché si tratta di investimenti leciti e controllati.

Non solo, nel caso in cui non si raggiungessero gli obiettivi, l’immobile verrà messo in vendita e si rimborseranno gli investitori. Con il crowdfunding si guadagna anche dagli affitti e dalle plusvalenze che si ottengono con la vendita, mentre nel crowdlending soltanto dagli interessi che derivano dal tuo prestito.

Ci sono poi i gruppi di investimento, come i REIT, Real Estate Investment Trust, che comprano, gestiscono e vendono immobili in tutto il mondo e sono quotati in borsa. Invece di acquistare fisicamente una casa potrai quindi aggiudicarti le azioni di questi gruppi e per farlo non sarà necessario un esborso troppo oneroso, poiché molti REIT sono sottoscrivibili in formato ETF.

investire in immobili conviene

Investire in immobili conviene oggi?

Abbiamo detto che il mercato immobiliare è in forte ripresa e che ci sono soluzioni per tutte le tasche. Sappiamo che il mattone è un investimento sempre molto sicuro, in tutte le sue forme, per cui te lo consigliamo soprattutto in questo momento, con le riaperture e la possibilità di acquistare immobili in tutto il mondo.

Con internet oltretutto le distanze si accorciano e sui siti immobiliari internazionali è possibile accedere a occasioni da non perdere. Indipendente dalla modalità scelta, il comparto, nei primi sei mesi del 2021, ha visto una crescita del 56% rispetto allo stesso periodo del 2020 e del 21,9% rispetto al 2019. Un balzo certamente dovuto al miglioramento della situazione sanitaria che, soprattutto nel nostro Paese. non dovrebbe causare più grossi problemi.

migliori piattaforme per investire in immobili

re-lender

relender
5/5

trusters

trusters crowdfunding immobiliare
3.7/5

recrowd

recrowd
3.5/5

concrete

concrete investing
3.5/5

Meglio investire in immobili o in azioni?

Si tratta di due investimenti diversi che tuttavia si incontrano nel momento in cui è possibile accedere all’azionariato immobiliare. Oggi è possibile fare investimenti solidi anche con le azioni, tuttavia è sempre più fruttuoso diversificare il proprio portafoglio con un progetto strutturato, che comprenda anche il mattone.

Certamente, come dice Warren Buffet, uno dei più importanti trader del mondo, non è conveniente lasciare tutto il proprio capitale in banca, in quanto si può ottenere molto di più con i rendimenti a lungo termine.

Non è necessario infatti rischiare molto per ottenere un buon risultato, al contrario i titoli che danno maggior soddisfazione sono quelli che creano un profitto nel tempo. Gli immobili hanno un andamento di prezzo ondivago esattamente come i titoli, per cui è importante sapere qual è la situazione del mercato nel momento in cui ci si accinge a fare un investimento: questa regola vale per le azioni, così come per gli immobili.

conviene investire in immobili

Dove investire in immobili?

È possibile scegliere il suolo italiano oppure il mercato estero. Ogni mercato ha i suoi vantaggi e criticità, di conseguenza è importante conoscere i punti di forza e le debolezze di ognuno.

Il nostro Paese per esempio è ricco di bellezze che sono oggetto di attenzione da parte degli investitori di tutto il mondo e non si può certo sbagliare nell’acquistare immobili in Italia.

Tuttavia le tasse sulle seconde case sono molto alte e la burocrazia non aiuta: ecco perché molti scelgono di acquistare all’estero. Non è comunque così semplice trovare l’investimento giusto: dovrai studiare a fondo la situazione economica dei Paesi, in quanto alcuni hanno subito una crisi più profonda di altri ma hanno una prospettiva di ripresa.

Questa condizione consente di fare affari acquistando immobili a basso prezzo che acquisiranno certamente un valore maggiore nel tempo, ma non è così per tutti: quando i prezzi sono eccessivamente bassi, può significare che stiamo parlando di aree che non hanno grandi prospettive di crescita.

Investire in immobili in Italia

In Italia il residenziale sta avendo una crescita maggiore rispetto al commerciale e questo è dovuto principalmente alla crisi economica innescata dalla pandemia. Attualmente sono le grandi città a destare un interesse maggiore, con una richiesta più pressante di case.

In testa abbiamo Napoli e Palermo, a seguire Milano, Verona, Bari, Firenze e Torino. Se invece andiamo sul commerciale bisogna guardare, sotto il profilo economico, le città che meglio hanno reagito alle chiusure, come certamente Milano. Considera che invece i magazzini di stoccaggio, che come abbiamo detto all’inizio sono stati un’ancora di salvezza nel 2020, ma al momento stanno subendo una flessione, dovuta appunto alla ripresa delle attività in presenza.

Investire in immobili a Dubai

La capitale di uno dei 7 Emirati arabi Uniti è il centro della crescita economica mondiale e richiama investitori da ogni parte del mondo, perché si attesta come un polo del lusso in cui molti decidono di trasferirsi. Il maggior vantaggio è costituito dall’assenza di tassazione: non si pagano imposte quando si acquista un immobile e in generale la pressione fiscale è molto bassa per gli investitori stranieri.

Investire in immobili in Bielorussia

La capitale Minsk sta vivendo un vero boom del mercato immobiliare. Tuttavia si trova in una situazione economica precaria a causa delle sanzioni dell’UE e dalla dipendenza dalla Russia. L’ultima dittatura europea sta quindi cercando una via d’uscita, aprendo agli investitori esteri: ecco perché potrebbe essere conveniente investire in questo momento.

Investire in immobili a Miami

Miami è la principale meta turistica della Florida e degli Stati Uniti in generale: la maggior parte degli immobili è composta da case-vacanza e in questo momento c’è un notevole vantaggio dell’euro sul dollaro. Inoltre molte società si stanno trasferendo, perché la tassazione sulle persone fisiche è nulla, mentre dalla locazione si può ottenere un profitto che va dal 3 al 5% all’anno, al netto delle imposte.

Investire in immobili in Svizzera

Sappiamo bene che la Svizzera detiene il primato della concentrazione di ricchezze più grande del mondo e chi si trasferisce lì lo fa principalmente perché la tassazione sulle plusvalenze dalle rendite finanziarie è pari a zero. Di conseguenza c’è molta richiesta di immobili, tuttavia sulle proprietà immobiliari le aliquote possono essere elevate. Dovrai quindi verificare qual è il cantone più conveniente, perché le differenze sono così suddivise.

come investire in immobili

Investire in immobili a Berlino

Berlino vive una situazione particolare perché chi ha comprato prima della pandemia ha visto un boom notevole e anche oggi i prezzi non scendono. Tuttavia il costo elevato delle case e il tetto imposto dall’amministrazione sugli affitti non consigliano di acquistare in questo momento, perché il gioco potrebbe non valere la candela.

Investire in immobili a Malta

Malta è la perla del mediterraneo, meta turistica sempre più apprezzata, dal punto di vista degli investimenti immobiliari è molto interessante perché ha un mercato molto flessibile. Si possono acquistare case anche a partire da 100.000 euro e la tassazione molto favorevole garantisce profitti assicurati.

Investire in immobili in Costa Rica

Un solo dato: aliquota fiscale allo 0,25% del valore dell’immobile registrato. Inoltre il Costa Rica si propone come uno dei più importanti siti turistici al mondo e il costo della vita favorevole sta interessando molti pensionati italiani che intendono trasferirvisi. Come casa-vacanze potrai sfruttarla tutto l’anno, grazie al clima eccezionale e alla natura prodigiosa.

Investire in beni immobili

Abbiamo visto come sia possibile utilizzare vari strumenti per avvicinarsi al mercato immobiliare. Ciò che ti consigliamo a prescindere è di informarti bene sulla situazione del Paese in oggetto nel caso di acquisto di immobili all’estero e di avvalerti di professionisti che ti affianchino per tutte le operazioni.

Molto utile sarà anche avere un conto corrente che sia declinabile in più valute con tassi di cambio favorevoli: questo ti consentirà di velocizzare i depositi e di risparmiare. Tieni sempre in considerazione il livello di tassazione e verifica l’andamento complessivo degli ultimi 5 anni, per qualunque area del mondo.

Lascia un commento

La Finanza A Portata Di Click
La Finanza A Portata Di Click

Il blog ideale per chi vuole accrescere la propria cultura finanziaria ed investire al meglio i propri risparmi

5/5 - (1 vote)