La Finanza A Portata Di Click

Conto Corrente Per Associazioni e No Profit: Guida ai Migliori del 2023

conto corrente per associazioni

Stai cercando informazioni sul miglior conto corrente per associazioni? Sei nel posto giusto!

Se hai un’associazione no profit o stai pensando di aprirne una, sappi che il fatto di non avere scopo di lucro non ti solleva dalla necessità di avere un conto corrente intestato all’associazione stessa. Per ricevere donazioni, effettuare pagamenti o versare lo stipendio ad eventuali collaboratori che lavoreranno per l’associazione, infatti, è necessario avere un conto corrente che consenta tutte queste operazioni.

È importante, però, scegliere il tipo di conto che sia più in linea con le esigenze di un’associazione no profit e che magari abbia delle spese di gestione molto contenute, per non erodere la cassa già limitata di un’associazione di questo tipo. Ecco, allora, quali sono le migliori offerte di conto corrente per associazioni che puoi sottoscrivere attualmente.

Di seguito trovi una tabella nella quale sono stati inseriti i migliori conti correnti per associazioni, le loro caratteristiche e il link al sito ufficiale.

Migliori conti correnti per associazioni

soldo

carta prepagata senza conto soldo
5/5

qonto

qonto one
3.8/5

Classifica migliori conti correnti per associazioni

Di seguito, invece, trovi una lista dei migliori conti correnti per associazioni che puoi reperire sul mercato:

  1. Soldo (vai al sito ufficiale)
  2. Qonto (vai al sito ufficiale)

ricevi i nostri consigli personalizzati:
compila il modulo e scopri il conto corrente adatto a te!

Cliccando su "Invia" confermi di aver preso visione dell'informativa sulla privacy

Tabella dei Contenuti

Conto corrente per associazioni: cos’è e come aprirlo

Quando si parla di conto corrente per associazioni si fa riferimento ad un conto corrente destinato non solo alle associazioni no profit ma anche a quelle sportive, culturali, di volontariato e molto altro ancora. Non si tratta di conti particolari: un conto corrente per associazioni sportive dilettantistiche non si discosta tanto da un classico conto va.

La differenza, piuttosto, consiste nel fatto che i conti per le associazioni, soprattutto se sono quelle senza scopo di lucro, devono essere molto convenienti, con zero o comunque basse spese, per evitare che i costi di gestione possano intaccare le casse già abbastanza contenute di tutte quelle associazioni che hanno uno scopo sociale e non il fatturato.

Molto spesso i costi contenuti sono offerti a fronte di funzionalità basilari e limitate rispetto ai conti premium. Tuttavia, con la diffusione delle banche online e dei conti carta questa equivalenza non è più così automatica perché i conti sono performanti e ricchi di funzionalità, come quelli che hai potuto visionare prima.

Come funziona un conto corrente per associazioni

Un conto corrente per associazioni, come hai già avuto modo di leggere, funziona nello stesso modo nel quale si utilizza un conto classico. Si può dire che in un certo senso si tratta di un prodotto finanziario che sta a metà fra quelli riservati ai privati e quelli invece riservati alle aziende.

Come i primi, puntano ad avere costi contenuti e soprattutto la possibilità di essere gestiti interamente online; come i secondi, invece, devono dare agli utenti la possibilità di sfruttare l’home banking, di avere una o più carte collegate (da rilasciare ad esempio al presidente dell’associazione e all’ufficio amministrativo), di concedere la possibilità di fare bonifici, pagamenti e acquisti.

Una caratteristica indispensabile, ovviamente, è quella di avere un iban collegato per ricevere eventuali donazioni da parte degli associati. In tal senso le carte conto sono uno strumento perfetto per le necessità delle associazioni.

Conto corrente per associazioni: vantaggi

Al giorno d’oggi è davvero impossibile per le associazioni, sia quelle attive da tempo che le nuove che vanno via via costituendosi, fare a meno di un conto corrente perché sono lo strumento finanziario con il quale è possibile effettuare pagamenti, ricevere quote associative e, più in generale, provvedere alla gestione dell’associazione.

Aprire uno dei conti che hai potuto esaminare poco prima vuol dire affidare il denaro degli associati in mani sicure, di istituti di credito seri e trasparenti che sono al fianco dei propri clienti per offrire le soluzioni migliori, qualunque sia non solo la necessità ma anche la problematica.

Molti dei prodotti finanziari proposti, poi, sono davvero convenienti e consentono una gestione smart del proprio conto, che non deve sottrarre tempo alle proprie attività perché sono interamente gestibili online.

Conto corrente ASD zero spese: come funziona e a cosa fare attenzione!

Hai mai sentito parlare del conto corrente ASD a zero spese?

Il conto corrente per ASD è un tipo di conto bancario che ti permette di gestire i tuoi soldi senza dover pagare commissioni o spese mensili. È come un amico generoso che ti dà una mano senza chiedere nulla in cambio! Con questo conto, puoi mettere i tuoi risparmi al sicuro o pagare le bollette senza dover sborsare un euro in commissioni bancarie.

Ma come funziona? In pratica, le banche che offrono il conto ASD di solito pongono alcune condizioni. Ad esempio, potrebbe essere richiesto di effettuare un numero minimo di operazioni al mese tramite la carta di debito o di credito collegata al conto.

Questo serve a incentivarti a utilizzare attivamente il conto e a generare movimenti. Inoltre, potrebbe essere richiesto di sottoscrivere l’opzione di estratto conto online, invece di riceverlo cartaceo via posta. Questo aiuta la banca a ridurre i costi di gestione e a mantenere il conto gratuito per te.

Ma come sempre, è importante fare attenzione alle condizioni contrattuali e alle eventuali clausole nascoste. Assicurati di capire bene cosa richiede la banca e se riesci a rispettarle, potrai godere dei vantaggi di un conto senza costi nascosti!

Aprire conto corrente online per associazioni culturali e sportive: analogie e differenze.

Attivare un conto corrente per associazioni di promozione sociale, tra cui le associazioni sportive e culturali, è molto intuitivo. Le associazioni culturali però, che hanno scopi culturali, di insegnamento o educativi, si differenziano dalle associazioni sportive, orientate ad attività sportive dilettantistiche.

Quando si tratta di associazioni culturali, molte banche consentono di aprire conti correnti on line per associazioni completamente tramite il loro sito. La compilazione dei moduli online e la verifica dell’identità saranno processi rapidi e indolori. Una volta attivato il conto, potrai iniziare a gestire le tue finanze in modo comodo e sicuro.

Ora ti starai chiedendo cosa comporta aprire un conto corrente online per un’associazione sportiva dilettantistica. I passaggi sono esattamente gli stessi, le uniche differenze riguardano principalmente il tipo di attività svolta dall’associazione e i servizi bancari specifici di cui potrebbe avere bisogno, oltre agli aspetti normativi e fiscali correlati al settore in cui operano.

Conto corrente per associazioni no profit: cosa li rende unici?

Nel vasto mondo della finanza, un’importante categoria di strumenti bancari è dedicata esclusivamente alle organizzazioni senza scopo di lucro. Questa tipologia di conti per associazioni no profit è stata appositamente progettata per soddisfare le esigenze finanziarie di associazioni e fondazioni che si impegnano attivamente in cause sociali e progetti di beneficenza.

Con funzionalità di raccolta fondi integrate, l’organizzazione può ricevere donazioni da sostenitori attraverso diverse modalità di pagamento, come bonifici, pagamenti online e assegni. 

Conto corrente terzo settore significa anche supporto. Molte banche, infatti, offrono condizioni agevolate, come tariffe ridotte o esenzione da commissioni, riducendo i costi operativi di ogni associazione.

Ti starai chiedendo quale sia il miglior conto corrente per associazioni no profit. A seguito qualche piccolo spunto che potrà esserti molto utile.

Miglior conto corrente per associazioni no profit

Quando si tratta di selezionare il miglior conto corrente per un’associazione no profit, è importante considerare alcune specifiche e caratteristiche chiave che possono variare da una banca all’altra. Ecco alcuni consigli su come procedere con la selezione, senza fare riferimento a informazioni temporali:

  1. Commissioni e costi ridotti: Per massimizzare i fondi disponibili per i tuoi progetti no profit, è essenziale cercare un conto corrente che offra le commissioni più basse possibili o, idealmente, nessuna commissione. Questo include costi di gestione del conto, commissioni per transazione, e altri costi associati.
  2. Servizi online e accessibilità: Le soluzioni bancarie digitali sono cruciali per la gestione efficiente delle operazioni quotidiane. Assicurati che la banca offra un robusto set di strumenti online per gestire il conto, eseguire pagamenti, trasferire fondi, e tenere traccia delle transazioni.
  3. Supporto e consulenza dedicati: Le esigenze finanziarie delle associazioni no profit possono essere uniche. Optare per una banca che ha una divisione o team specializzato nel supportare organizzazioni no profit potrebbe fornire un vantaggio significativo. Questo supporto può includere aiuto nella gestione dei fondi, pianificazione finanziaria, e strategie di raccolta fondi.
  4. Opportunità di finanziamento: Se la tua associazione prevede di espandersi o avviare grandi progetti, potrebbe essere necessario ottenere finanziamenti. Alcune banche offrono prestiti o sovvenzioni con termini favorevoli alle organizzazioni no profit.
  5. Impegno sociale: Scegliere una banca che dimostra un forte impegno verso la responsabilità sociale e le pratiche sostenibili può essere in linea con i valori della tua associazione e rafforzare la partnership.
  6. Servizi personalizzati: In base alle tue specifiche esigenze, altri servizi come la gestione avanzata dei pagamenti, soluzioni di deposito vantaggiose, o formazione finanziaria potrebbero essere importanti.

Conto corrente terzo settore

In Italia, il “Terzo Settore” si riferisce a un insieme di organizzazioni private che operano senza scopo di lucro e che svolgono attività di interesse generale, come quelle benefiche, culturali, educative, scientifiche, ricreative e di promozione sociale. La scelta di un conto corrente adeguato è cruciale per queste organizzazioni, dato che gestiscono fondi che spesso provengono da donazioni, finanziamenti pubblici e attività di raccolta fondi.

Ecco alcune caratteristiche specifiche che le organizzazioni del Terzo Settore dovrebbero considerare nella selezione di un conto corrente:

  1. Zero o basse spese: Poiché queste organizzazioni operano con budget limitati, è importante minimizzare le spese di gestione del conto. Alcune banche offrono servizi a costo zero o ridotto per le organizzazioni no profit, riconoscendo il loro status speciale e l’importanza del loro lavoro.
  2. Accessibilità e operatività online: È importante avere un accesso semplice e flessibile al conto per gestire pagamenti, donazioni e spese quotidiane. Le piattaforme online dovrebbero essere sicure, facili da usare e disponibili 24/7.
  3. Servizi di pagamento agevolati: Le organizzazioni del Terzo Settore spesso necessitano di effettuare pagamenti a fornitori, ricevere donazioni o gestire piccole transazioni. Un conto che offre un’ampia gamma di opzioni di pagamento, compresi quelli online o tramite POS, può essere molto vantaggioso.
  4. Trasparenza e tracciabilità: Per mantenere la fiducia del pubblico e soddisfare i requisiti normativi, le organizzazioni del Terzo Settore hanno bisogno di una tracciabilità chiara delle loro transazioni finanziarie. Questo significa avere estratti conto dettagliati, reportistica accessibile e assistenza nella preparazione di documenti finanziari.
  5. Supporto e consulenza: Accesso a professionisti che comprendono le sfide uniche e le esigenze normative del Terzo Settore può essere di grande aiuto. Questo può includere assistenza nella gestione finanziaria, conformità fiscale, e strategie di finanziamento.
  6. Sicurezza dei fondi: Considerando che molte organizzazioni gestiscono fondi provenienti da fonti sensibili come donazioni o finanziamenti pubblici, la sicurezza del conto corrente è di estrema importanza.
  7. Opportunità di investimento socialmente responsabile: Alcune organizzazioni potrebbero anche essere interessate a investire i loro fondi in modi che siano in linea con la loro missione sociale. Quindi, accesso a opportunità di investimento etico o socialmente responsabile può essere un plus.

Mentre alcune banche tradizionali offrono conti correnti con queste caratteristiche, ci sono anche istituti di credito specializzati nell’offrire servizi finanziari al Terzo Settore.

Conto corrente per associazioni sportive dilettantistiche

Le associazioni sportive dilettantistiche (ASD) in Italia hanno esigenze specifiche quando si tratta di servizi bancari, date le loro particolari operazioni finanziarie, che spesso includono la gestione di quote associative, finanziamenti, pagamenti vari, e a volte anche piccoli salari. Ecco alcune caratteristiche e considerazioni chiave quando si cerca un conto corrente per una ASD:

  1. Costi di gestione ridotti: Le associazioni sportive dilettantistiche operano spesso con budget limitati, quindi un conto con spese di gestione basse o inesistenti è essenziale. Questo può includere commissioni minime per operazioni come bonifici, prelievi o gestione delle domiciliazioni bancarie per le quote associative.
  2. Facilità di gestione delle entrate: Un conto corrente adatto dovrebbe offrire soluzioni semplici per gestire diverse fonti di entrate, come quote associative, donazioni, o sovvenzioni. Questo può includere servizi di pagamento facile per i soci e strumenti per accettare pagamenti online o tramite POS.
  3. Servizi bancari online: Un’interfaccia online robusta e sicura è cruciale per la gestione efficiente delle finanze dell’associazione. Dovresti essere in grado di eseguire operazioni bancarie di base, visualizzare e scaricare estratti conto, e monitorare le transazioni in tempo reale.
  4. Supporto dedicato: Scegliere una banca che comprende le esigenze delle associazioni sportive dilettantistiche può fare una grande differenza. Il supporto nella gestione finanziaria quotidiana, la comprensione delle normative fiscali applicabili, e l’accesso a consulenze specifiche possono essere molto utili.
  5. Trasparenza e conformità: Le ASD devono spesso dimostrare la conformità con varie normative, specialmente se ricevono finanziamenti pubblici o godono di uno status fiscale speciale. Un conto corrente che facilita la trasparenza e aiuta a mantenere una documentazione chiara e accessibile è fondamentale.
  6. Servizi aggiuntivi: Alcune banche offrono servizi progettati specificamente per le associazioni sportive, come polizze assicurative speciali per eventi e attività, opzioni di finanziamento per progetti o attrezzature, e persino supporto per la promozione e il marketing.

Conto corrente gratuito per associazioni

La disponibilità di conti correnti gratuiti per associazioni dipende dalla legislazione bancaria e dalle offerte delle singole banche in una determinata regione o paese. Tuttavia, in molti casi, è possibile trovare conti correnti gratuiti per associazioni no profit o organizzazioni senza scopo di lucro. Ecco alcune opzioni da considerare:

  1. Banche online: Molte banche online offrono conti correnti gratuiti o a basso costo, inclusi quelli per associazioni no profit. Questi conti di solito forniscono accesso a servizi bancari di base, come pagamenti elettronici, bonifici e prelievi, senza addebitare commissioni mensili. Verifica le opzioni offerte dalle banche online presenti nel tuo paese.
  2. Banche locali o cooperative di credito: Le banche locali o cooperative di credito potrebbero offrire conti correnti gratuiti o a basso costo per le organizzazioni no profit della loro comunità. Spesso hanno un interesse maggiore nel supportare le organizzazioni locali.
  3. Banche etiche o sociali: Alcune banche specializzate nella responsabilità sociale o nell’etica bancaria offrono conti correnti gratuiti o con condizioni favorevoli per organizzazioni no profit. Queste banche spesso condividono gli stessi valori delle associazioni no profit e possono essere una scelta adatta.
  4. Offerte governative: In alcuni paesi, il governo offre conti correnti gratuiti o agevolati alle organizzazioni no profit come parte di programmi di supporto al settore no profit. Verifica se esistono programmi simili nel tuo paese.
  5. Banche di sviluppo locale o associazioni di settore: Alcune banche di sviluppo locale o associazioni di settore potrebbero offrire conti correnti gratuiti o vantaggiosi alle associazioni che operano in specifici settori o regioni.

Conto corrente per associazioni di promozione sociale

Le associazioni di promozione sociale (APS) in Italia sono organizzazioni senza scopo di lucro che svolgono attività di interesse generale a beneficio della comunità, come attività culturali, sociali, assistenziali o di volontariato. Quando si sceglie un conto corrente per un’APS, è importante considerare le specifiche esigenze e obiettivi dell’organizzazione. Ecco alcune considerazioni chiave:

  1. Costi di gestione ridotti: Le APS spesso operano con budget limitati, quindi cercare un conto corrente con commissioni di gestione basse o inesistenti è essenziale. Cerca banche che offrano piani speciali o esenzioni per le APS.
  2. Servizi online: Un’APS dovrebbe avere accesso a servizi bancari online per gestire in modo efficiente le transazioni finanziarie quotidiane. Questo include la possibilità di effettuare bonifici, visualizzare estratti conto e monitorare le transazioni in tempo reale.
  3. Supporto e consulenza dedicati: Alcune banche offrono supporto specializzato per le APS, comprese consulenze finanziarie e assistenza nella gestione dei fondi. Questo può essere particolarmente utile per organizzazioni con esigenze finanziarie complesse.
  4. Trasparenza e conformità: Le APS devono mantenere un alto livello di trasparenza finanziaria e aderire a specifiche normative. Un conto corrente che facilita la tenuta di documentazione chiara e la conformità con le normative fiscali è importante.
  5. Servizi aggiuntivi: Alcune banche offrono servizi aggiuntivi utili per le APS, come la gestione dei pagamenti, soluzioni di deposito a termine con interessi favorevoli o opzioni di finanziamento specifiche per organizzazioni no profit.
  6. Responsabilità sociale: Scegli una banca che dimostra un impegno verso la responsabilità sociale e condivide i valori dell’APS. Questo può includere l’adozione di politiche di investimento etico o l’offerta di prodotti finanziari sostenibili.
  7. Opportunità di finanziamento: Se l’APS ha bisogno di finanziamenti per progetti specifici, considera se la banca offre prestiti agevolati o altre opzioni di finanziamento a tassi preferenziali per le organizzazioni no profit.

Conto corrente per associazione senza scopo di lucro

La scelta di un conto corrente per un’associazione senza scopo di lucro è importante per garantire una gestione finanziaria efficiente e trasparente delle attività dell’organizzazione. Ecco alcuni aspetti da considerare quando cerchi un conto corrente per un’associazione senza scopo di lucro:

  1. Costi e commissioni: Cerca un conto corrente con costi di gestione minimi o preferibilmente senza commissioni mensili. Le organizzazioni senza scopo di lucro spesso operano con budget limitati, quindi è importante ridurre al minimo le spese.
  2. Servizi online: Un conto corrente che offre servizi online avanzati è fondamentale per la gestione delle finanze dell’associazione. Questi servizi dovrebbero includere la possibilità di effettuare bonifici, monitorare le transazioni, visualizzare estratti conto e gestire le domiciliazioni bancarie.
  3. Supporto dedicato: Alcune banche offrono supporto specializzato per le organizzazioni senza scopo di lucro, compresa la consulenza finanziaria e l’assistenza nella gestione dei fondi. Questo supporto può essere prezioso per le esigenze finanziarie specifiche dell’associazione.
  4. Conformità normativa: Le organizzazioni senza scopo di lucro devono rispettare regolamenti specifici, inclusi quelli relativi alle donazioni, alla fiscalità e alla trasparenza finanziaria. Un conto corrente che facilita la gestione della conformità normativa è essenziale.
  5. Sicurezza dei fondi: Assicurati che la banca sia affidabile e che i fondi dell’associazione siano adeguatamente protetti.
  6. Opzioni di investimento etico o socialmente responsabile: Se l’associazione desidera investire i suoi fondi, cerca una banca che offra opzioni di investimento in linea con i valori dell’organizzazione, come investimenti etici o socialmente responsabili.
  7. Servizi aggiuntivi: Alcune banche offrono servizi complementari, come la gestione dei pagamenti, l’elaborazione delle donazioni, servizi di raccolta fondi online e soluzioni di finanziamento specifiche per organizzazioni no profit.
  8. Responsabilità sociale: Se l’associazione attribuisce importanza alla responsabilità sociale delle banche, cerca una banca che condivida questi valori e dimostri un impegno verso iniziative socialmente responsabili.

Conto corrente associazione intestato al presidente

In molti paesi, è possibile aprire un conto corrente bancario per un’associazione intestato al presidente o a un altro membro dell’organizzazione. Questo tipo di conto corrente è noto come “conto corrente associativo” o “conto corrente di rappresentanza”. Tuttavia, ci sono alcune importanti considerazioni da tenere a mente:

  1. Ruolo e responsabilità del titolare: Anche se il conto è intestato al presidente o a un altro membro dell’associazione, è essenziale chiarire e documentare chiaramente le responsabilità e il ruolo del titolare del conto. Il presidente o il titolare del conto agirà come rappresentante legale dell’associazione per scopi bancari, ma i fondi del conto dovrebbero essere considerati proprietà dell’associazione, non personali del titolare.
  2. Trasparenza finanziaria: È fondamentale mantenere una documentazione accurata di tutte le transazioni finanziarie relative all’associazione. L’associazione dovrebbe avere accesso completo ai record finanziari e poter monitorare tutte le attività del conto.
  3. Firma congiunta: Per aumentare la trasparenza e prevenire abusi potenziali, potrebbe essere utile richiedere una firma congiunta, ovvero la necessità di autorizzazioni o firme multiple (ad esempio, del presidente e del tesoriere) per alcune operazioni finanziarie importanti.
  4. Normative e regolamenti locali: Le normative bancarie e le leggi locali possono variare, quindi è importante verificare se ci sono requisiti specifici o restrizioni relative ai conti correnti associativi nel tuo paese o nella tua regione.
  5. Assicurazione e responsabilità: Valuta la necessità di assicurazioni o garanzie per proteggere l’associazione da possibili problemi finanziari derivanti dalla gestione del conto corrente. Questo può includere assicurazioni sulla responsabilità civile o altre forme di copertura.
  6. Gestione congiunta dei fondi: Anche se il conto è intestato a un singolo membro, è importante che la gestione dei fondi sia effettuata in modo collegiale, con un coinvolgimento attivo del tesoriere o di altri membri incaricati delle finanze dell’associazione.
  7. Documentazione legale: Consulta un avvocato specializzato in diritto delle associazioni no profit per assicurarti che la documentazione legale, come gli statuti dell’associazione o le delibere del consiglio direttivo, rifletta chiaramente le modalità di gestione del conto corrente associativo.

Conto corrente per associazioni culturali

La scelta di un conto corrente per un’associazione culturale dipende dalle esigenze specifiche dell’organizzazione, ma ci sono alcune caratteristiche e considerazioni comuni da tenere in considerazione:

  1. Costi di gestione ridotti o gratuiti: Cerca un conto corrente che offra commissioni di gestione basse o, preferibilmente, nessuna commissione mensile. Le associazioni culturali spesso hanno budget limitati, quindi è importante minimizzare le spese.
  2. Servizi bancari online: Un conto che offre servizi bancari online avanzati è essenziale per la gestione finanziaria quotidiana. Assicurati di poter effettuare bonifici, visualizzare estratti conto e monitorare le transazioni online in modo efficiente.
  3. Assistenza dedicata: Alcune banche offrono assistenza specializzata per le associazioni culturali, inclusa consulenza finanziaria e supporto nella gestione dei fondi. Questo può essere particolarmente utile per soddisfare le esigenze finanziarie specifiche dell’organizzazione.
  4. Conformità normativa: Le associazioni culturali devono rispettare le normative locali e nazionali, tra cui quelle relative alle donazioni, alla trasparenza finanziaria e alla fiscalità. Assicurati che il conto corrente faciliti la conformità normativa e agevoli la tenuta della documentazione necessaria.
  5. Trasparenza finanziaria: Mantenere una documentazione accurata e trasparente di tutte le transazioni finanziarie è fondamentale. Un conto corrente che semplifica questa operazione è prezioso.
  6. Sicurezza dei fondi: Assicurati che la banca scelta sia affidabile e che i fondi dell’associazione siano adeguatamente protetti.
  7. Opportunità di finanziamento: Se l’associazione culturale ha bisogno di finanziamenti per progetti specifici, cerca una banca che offra prestiti o altre opzioni di finanziamento a condizioni favorevoli per le organizzazioni no profit.
  8. Servizi aggiuntivi: Alcune banche offrono servizi complementari, come la gestione dei pagamenti, soluzioni di deposito a termine con interessi vantaggiosi o opzioni di investimento socialmente responsabile.
  9. Responsabilità sociale: Se l’associazione culturale attribuisce importanza alla responsabilità sociale delle banche, cerca una banca che condivida questi valori e dimostri un impegno verso iniziative socialmente responsabili.

Migliori conti correnti per associazioni a confronto: recensioni e guida alla scelta

Tinaba

Fra i conti più convenienti attualmente sul mercato c’è quello di Tinaba (vai al sito ufficiale) che è davvero come viene descritto nelle comunicazioni pubblicitarie e cioè a zero spese. Non è previsto alcun canone di apertura né di gestione mensile, tutti i prelievi sono sempre gratuiti, indipendentemente dall’ATM presso i quali sono effettuati e sono gratuiti anche i bonifici.

conti correnti per associazioni senza scopo di lucro

Addirittura i primi 24 prelievi che sono effettuati in ambito UE non hanno alcun costo. Il conto è collegato ad una carta ricaricabile che rappresenta un prodotto molto versatile da utilizzare sia per i pagamenti online che offline.

Inoltre Tinaba mette a disposizione anche l’app che permette la gestione del conto senza mai avere la necessità di rivolgersi ad uno sportello fisico. Il conto Tinaba è perfetto per tutti quelli che sono alla ricerca di un conto conveniente, smart e tuttavia ricco di funzionalità.

Hype

Anche Hype (vai al sito ufficiale) è una carta conto che consente di semplificare la vita di chi lo utilizza, senza togliere alcuna delle funzionalità tipiche di un conto corrente. Per individuare il prodotto che sia più in linea con le tue caratteristiche, puoi scegliere fra tre tipologie differenti: Start, Next e Premium. Il primo è a canone zero ma prevede dei costi, anche se irrisori, per le operazioni e i prelievi.

aprire un conto corrente per associazioni

Gli altri due, invece, hanno un canone mensile rispettivamente di 2,90 e di 9,90 euro al mese ma offrono in cambio moltissime funzionalità differenti e la possibilità di operazioni gratuite, entro un certo limite il primo e illimitate il secondo.

Tutti i conti si aprono online in meno di 10 minuti, possono essere gestiti tramite l’apposita app e offrono la possibilità di accantonare mensilmente una certa cifra per realizzare alcuni desideri. Hype offre anche un personale programma di Cashback ma esclusivamente per gli acquisti online pagati con la carta di credito.

Conto corrente online per associazioni Banca Sella

Uno dei conti che puoi prendere in considerazione è quello di Banca Sella (vai al sito ufficiale) che offre diverse soluzioni adatte ad ogni target di clienti. Fra queste la migliore è il conto corrente online per associazioni no profit, che viene definito il conto online senza pensieri. È molto facile da aprire, ci vogliono appena 5 minuti e tutta la procedura può essere effettuata direttamente attraverso il sito della banca.

conto corrente per associazioni online

La particolarità di questo conto è che può essere completamente gestito online, quindi è perfetto per tutti coloro che non hanno molto tempo per recarsi in banca e vogliono un prodotto finanziario che sia praticamente auto-gestibile. I vantaggi del conto di Banca Sella, però, non si esauriscono certo qui. Infatti il conto è a zero speso per i primi 3 mesi e poi con un canone molto contenuto, appena 1,5 euro al mese.

Inoltre i primi quattro prelievi del mese sono completamente gratuiti, indipendentemente da quale sia l’ATM dal quale si effettua. Infine il conto usufruisce di un’assistenza tecnica attiva ben 13 ore al giorno, per qualsiasi problematica.

selfy mediolanum

sella

conto banca sella online

hype

hype

flowe

flowe recensione

Flowe

L’obiettivo dichiarato del conto Flowe è quello di semplificare la vita di chi lo utilizza. Per questo motivo il conto, che si attiva interamente online, è gestibile attraverso un’app e consente tutti quei servizi che puoi considerare tipici di un conto corrente.

conto corrente per associazioni no profit

L’istituto che emette la carta, però, è molto attento alle tematiche ambientali e per questo motivo ha attivato un programma in base al quale, per ogni nuovo cliente che attiva una carta conto, viene piantato un albero in una foresta. Lo stesso avviene in base ad un calcolo periodico delle emissioni di Co2 che vengono prodotte in base all’utilizzo che si fa della carta e le spese sostenute: queste emissioni vengono poi bilanciate da altre azioni di salvaguardia dell’ambiente.

Flowe inserisce ogni suo cliente in una comunità molto attiva attraverso la quale scambiarsi consigli, opinioni, collaborare per il raggiungimento di determinati obiettivi e molto altro ancora. Questo aspetto, quindi, si sposa in modo perfetto con la filosofia di un’associazione senza scopo di lucro.

N26

N26 viene addirittura definita la banca dello smartphone: questo slogan fa capire immediatamente come sia facile non solo aprire il conto corrente ma anche gestirlo, interamente attraverso l’applicazione web e l’app specifica.

conto corrente per asociazioni di promozione sociale

Il conto offerto da N26 è a zero spese, non solo per quanto riguarda l’apertura ma anche la sua gestione. Oltre alle operazioni a costo zero, il conto corrente prevede anche l’utilizzo gratuito di una carta di credito Mastercard con la quale fare gli acquisti non solo off ma anche online.

Gli incentivi per scegliere questa banca, però, non finiscono qui: a tutti i nuovi clienti è offerto un anno di abbonamento gratuito ad Amazon Prime che consente non solo di acquistare sul popolare e-commerce a zero spese ma anche di utilizzare la piattaforma video con tantissimi contenuti inediti.

Bunq

Altro conto corrente adatto per le associazioni che puoi prendere in considerazione è quello di Bunq . Questa banca, nata e gestita interamente online, funziona sullo stesso esempio di Flowe e si propone di coniugare la trasparenza dell’istituto di credito e la tutela dell’ambiente. I clienti che decidono di aprire un conto Bunq hanno a disposizione tre diverse possibilità: easy green, easy money ed easy travel.

conto corrente per associazioni sportive

Ognuna di queste, che ha un canone mensile differente, ha delle peculiarità non solo dal punto di vista delle funzionalità ma anche per quanto riguarda le attività sociali che sono collegate alla banca. Ad esempio, con il conto easy green che costa 19,99 euro al mese, sono previste attività quali piantare alberi in proporzione alla quantità di Co2 che le azioni effettuate con i soldi del conto comportano nonché scegliere i progetti nei quali la banca si impegna con i profitti realizzati ogni anno.

Il conto è perfetto anche per chi opera spesso con l’estero perché tutte le operazioni estere (non solo pagamenti ma anche prelievi) hanno uno sconto del 3% sul costo fisso.

Banca Widiba

Anche il conto di Banca Widiba è molto semplice da aprire: basta collegarsi al sito dell’istituto di credito e in pochi minuti sarà possibile attivare il conto della tua associazione. Il prodotto di punta del momento prevede zero spese di canone e gestione per tutti i nuovi clienti e per i primi 12 mesi di utilizzo del conto.

conto corrente per associazioni culturali

Successivamente il canone è molto basso (per i clienti privati che accreditano lo stipendio sul conto è addirittura azzerato). Uno degli aspetti più caratteristici di questo contro, oltre al fatto di avere una carta di credito e una di debito collegate, è anche il fatto che le somme depositate sul conto maturano interessi che possono arrivare fino all’1,2% se una parte di esse viene vincolata ad appena sei mesi.

Il conto può essere gestito molto semplicemente attraverso il sistema di home banking oppure con l’app collegata che si scarica direttamente sullo smartphone e consente di effettuare ogni tipo di operazione che si potrebbe fare dallo sportello bancario.

Crédit Agricole

Come tutti gli altri tipi di conti che ti sono stati fino ad ora consigliati, anche quello di Crédit Agricole può essere aperto online con pochi passaggi e qualche minuto di tempo. Allo stesso modo, anche la gestione del conto è totalmente online e può essere effettuata anche dallo smartphone attraverso l’apposita app.

documenti per aprire conto corrente associazioni

Oltre a tutte le funzionalità che sono previste per tutti i conti online della maggior parte degli istituti di credito, con quello di Crédit Agricole è possibile anche vincere buoni Amazon da 100 euro, estratti una volta al mese: un modo che la banca utilizza per venire incontro alle esigenze dei suoi clienti.

Il conto di Crédit Agricole non prevede alcun costo di gestione, ha i prelievi gratuiti per gli importi superiori a 100 euro e offre la possibilità di usufruire di una carta che è sia di debito che di credito, utilizzabile sia in Italia che all’estero. Una particolarità di questo conto? Consente di poter usufruire di una consulenza finanziaria personalizzata anche a distanza, attraverso i canali messi a disposizione dalla banca.

19 commenti su “Conto Corrente Per Associazioni e No Profit: Guida ai Migliori del 2023”

  1. grazie, ottimo articolo. Con l’occasione vorremmo ricevere un dettagliato confronto circa le associazioni del Terzo settore.
    A.N.I.L.D.D. (Associazione Nazionale Invalidi del Lavoro e Disabilità Diffusa)

    Rispondi
  2. Articolo del tutto inutile: titolo fuorviante e informazioni date a casaccio.
    Serietà e professionalità zero.
    Nessuno dei conti indicati é valido per le Associazioni No profit e Onlus.

    Rispondi
    • Gentile Valerio,

      La invitiamo a rivalutare quanto da lei detto. Le informazioni date nell’articolo sono in buona fede e frutto del lavoro di esperti.
      Inoltre, in tabella trova i due conti correnti migliori per associazioni.

      Cordiali saluti,

      Il team di La Finanza A Portata Di Click

      Rispondi
  3. Soldo non è un conto corrente.
    La loro tecnologia è progettata per completare i servizi della banca che già si sta utilizzando.
    Non è possibile emettere bonifici in uscita e non sarà possibile addebitare rid sul conto.
    Non si potranno versare assegni o contanti o addebitare f24 sul conto, questi ultimi si potranno pagare con le carte presso esercenti che lo permettano.
    Soldo offre una piattaforma per gestire le spese aziendali attraverso l’emissione di carte prepagate (sia di plastica che virtuali, nominative o generiche ).
    Le carte Soldo operano su circuito Mastercard.
    L’account o borsellino virtuale serve per depositare i fondi che saranno utilizzati attraverso le carte.
    Per depositare sul conto sarà indicato un Iban italiano. Non è possibile emettere bonifici in uscita.

    Letteralmente ciò che mi è stato riferito dall’assistente on-line alla mia domanda per un’apertura conto con loro.

    Rispondi
    • confermo tutto. Sicuramente chi ha scritto il pezzo è in buona fede, solo che alle richieste specifiche ti arriva un “gentile” per adesso non èpossibile, se ti va bene, oppure un no non è previsto

      Rispondi
  4. Alla fine per la ASD ho aperto il conto con Credit Agricole e non va bene. Non è economicamente idoneo nè conveniente per una ASD no profit, specie adesso che si sono uniti a un’altra banca (non ricordo il nome). Ogni bonifico costa 1€ e per noi che dobbiamo farne diversi, ci perdiamo. Ti danno un bancomat di vecchio stampo, di quelli che non puoi usare online. Se chiedi la carta di debito per operazioni online come gli attuali bancomat moderni, ha un costo mensile fisso e anche questo non è più economico per una ASD no profit. Sto cercando ora una nuova banca per aprire un nuovo conto e chiudere con Credit Agricole.

    Rispondi
    • Mi trovo nella stessa situazione: aperto un cc con Creval appositamente creato per no-profit ed era perfetto, con la fusione in Credi Agricole i costi sono impossibili da mantenere. Sto cercando anche io ma senza successo

      Rispondi
        • anche io sto cercando… Qonto offre un buon servizio ma costa mensilmente 30 euro… F24 carte iban italiano, piu iban etc… Credit agricol invece sembra abbia aggiornato l’offerta…bisogna vedere poi a fine anno il conto vero … fiducia poca dopo le recensioni di cui sopra… la gente scappa 🙂

          Rispondi
  5. Con la mia associazione da un anno utilizziamo sum up. Tutto gratuito gestibile dal sito e dall’app permette anche di creare fatture elettroniche e inviarle. 3 soli problemi sulla gestione riscontrati, che mi portano a cercare di meglio.
    1)Per il pagamento del F24 devo riempire il modulo postale recarmi fisicamente in un ufficio e effettuare il pagamento utilizzando la loro carta fisica.
    2) Non possono essere fatti versamenti contanti sul conto e quindi il denaro può essere ricevuto e inviato solo tramite bonifici e trasferimenti.
    3) Viene rilasciato un Iban estero e quindi alcuni utenti che mi vogliono fare il bonifico sono impossibilitati in quanto hanno il blocco da parte delle loro banche per fare bonifici all’estero.

    Rispondi
  6. Non è per niente facile aprire un conto per un’ASD. E’ da un anno che cerco, ma non sto trovando nulla di conveniente.

    Rispondi

Lascia un commento

La Finanza A Portata Di Click
La Finanza A Portata Di Click

Il blog ideale per chi vuole accrescere la propria cultura finanziaria ed investire al meglio i propri risparmi